La versione mobile del sito è attualmente in manutenzione
ti preghiamo di accedere da un PC

Descrizione

Il vasto altopiano Murgico che fronteggia i Sassi di Matera costituisce il "Parco Regionale delle Chiese Rupestri del Materano" dal 2007 dichiarato anche Patrimonio Mondiale dell' Umanità dall' UNESCO. Si tratta di una vasta area collinare rocciosa segnata da profonde fenditure carsiche chiamate: "Gravine"; Durante questa passeggiata Storico-Naturalistica il visitatore potrà percorrere, attraverso la narrazione della guida, il cammino dell' uomo partendo dagli insediamenti del Paleolitico, ai villaggi trincerati del Neolitico di "Murgia Timone", dalle comunità pastorali del medioevo agli insediamenti rupestri delle comunità eremitiche greco-bizantine che proprio su questo altopiano hanno fondato cenobi, lauree e Chiese Rupestri dove la natura impervia e silenziosa poteva avvicinare all' essenza del divino. Il tour prosegue con la visita proprio di due Chiese Rupestri: San Falcione e Madonna delle tre porte. Alla prima si accede attraverso una recinzione realizzata nell’800 dalla famiglia dei Conti Gattini quando la Chiesa, ormai sconsacrata, verrà trasformata in jazzo ovvero ovile; si tratta di un antico cenobio scavato interamente nella tenera calcarenite intorno al X secolo costituito appunto dalla Chiesa di San Falcione (anticamente San Canione) e da una serie di ambienti attigui utilizzati come celle dai monaci e dal 1800 trasformate come stalle per animali e come Caseario per la lavorazione del latte, come testimonia la presenza della fuliggine intorno a un enorme camino. La Chiesa, invece, presenta un ambiente quadrangolare che funge da aula dal quale si dipartono due navate con rispettive absidi e separate da un pilastro con due arcate. Sulla parete destra è presente una nicchia con altare che fungeva da ambone. Il piano di calpestio risulta notevolmente abbassato poiché utilizzato come cava di materiale quando il luogo di culto venne sconsacrato. Sulle pareti restano tracce di affreschi che fanno pensare che un tempo la Chiesa fosse tutta affrescata, di essi però si riesce a distinguere soltanto un San Nicola vestito in abiti vescovili , benedicente secondo il rito greco-bizantino datato al XII-XIII sec. Sulle pareti esterne sono ancora visibili dei buchi scavati che fungevano da “apucchiare” ovvero apiari per l’allevamento delle api e la produzione del miele, un tempo rivestite da legno di ferula per farne delle arnie. Terminata la visita della Chiesa di San Falcione, si imbocca un sentiero sterrato che, dopo aver attraversato una valletta, risale per poi procedere fiancheggiando il profondo canyon della gravina e lo spettacolo che appare dinanzi agli occhi è davvero mozzafiato nel vedere tutto l’abitato dei Sassi apparire in tutto il suo splendore al di là del burrone; Si raggiunge così il cosiddetto belvedere grande, set cinematografico per la rappresentazione della scena della crocifissione utilizzato sia da Pasolini, che da Mel Gibson, sul quale si farà un’altra sosta per ammirare il panorama e scattare foto. Il tour procede per la volta della cripta Madonna delle tre Porte. La Chiesa, scavata tra il X e il XII secolo rappresenta un capolavoro di architettura ipogea. La pianta della cripta si presenta a tre navate absidate divise da quattro pilastri e relative absidi una della quali è completamente crollata già da alcuni secoli. E’ possibile ammirare numerosi affreschi, alcuni dei quali piuttosto ben conservati, che coprono un arco temporale a cavallo tra il XIII e XV secolo. Alcuni dipinti furono asportati nel 1962 dal professore tedesco Rudolph Kubesch e venduti a collezionisti privati. Di recente la testa della Madonna col bambino del XIII sec. e la testa di un San Giovanni Battista del XV sec. sono stati recuperati e attualmente esposti, in modo permanente, presso il Museo Nazionale di Palazzo Lanfranchi sito in Piazza Pascoli. Terminata questa interessantissima visita sarà possibile anche ammirare durante il cammino le opere di canalizzazione e raccolta delle acque piovane nelle cisterne a campana scavate nella roccia, le piante officinali tipiche della macchia mediterranea utilizzate dai monaci per preparare infusi e farmaci naturali e infine ammirare a fine percorso, nell' ora dell' imbrunire, il meraviglioso affaccio a strapiombo sul canyon con la suggestiva vista sull' agglomerato dei Sassi che, illuminati da una miriade di luci suggestive, offriranno al visitatore la percezione di avere il cielo stellato sotto i piedi di una galassia capovolta.........!

Prezzi

  • Adulti: 25 €
    Bambini(7 a 18 anni): 5 €
    Bambini(4 a 6 anni): 0 €
    Bambini(0 a 3 anni): 0 €

  • Incluso nel prezzo

    GUIDA AUTORIZZATA, INGRESSO IN CHIESE RUPESTRI, MAPPA DEI SASSI. TRASFERIMENTO A/R: supplemento adulti e/o ragazzi € 5,00

Prenota ora

Totale: 25€